Menu

Vestirsi “a strati”: le 5 regole per non sbagliare

Si chiama “Layering” e prevede di indossare mix e combinazioni di capi e accessori diversi. Ci permette di essere originali e fashion e, soprattutto, di organizzare un outfit funzionale sia alle condizioni climatiche, che alle occasioni che richiedono maggiore libertà di movimento. Con questa tecnica gli stessi pezzi di un guardaroba possono essere combinati in diverse modalità per creare sempre nuovi look completamente differenti.

Per non sbagliare:

1) Valutare il contesto, un look da sera richiederà attenzioni diverse rispetto all’abbigliamento da giorno, così come le occasioni formali e da ufficio rispetto al tempo libero.

3) Tessuti, lunghezze e colori. I capi più esterni devono essere più lunghi di quelli interni, le tonalità devono partire dalla più chiara, posizionata all’interno, e le texture, invece, dalla più leggera alla più pesante.

4) La praticità e comodità. Evitate le abbottonature complicate. Partite dal principio che ogni indumento deve essere facile da togliere. Non mascheratevi. Evitate l’effetto omino Michelin.

5) Accessori. Indossateli per ultimi per valutare l’effetto d’insieme. Ricordate che il troppo stroppia. Per evitare l’appiattimento osate con dei tocchi di colore. Via libera a sciarpe, borselli, occhiali e calzini particolari.

Per aggiungere un maggiore tocco di stile al vostro outfit, vi suggeriamo di guardare il nostro catalogo di camicie: https://www.andrum.it/it/catalogo.aspx. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le occasioni!

 

 


Invia per E-mail stampa Più
Highlights